PIÙ

Collettore di idee e di energie vive, un luogo in cui le volontà si incontrano e si incarnano in progetti reali e concreti.

La giornata della Ciliegia della Recca – 25 giugno 2016

L’Associazioni PIÙ (Partecipazione Impegno Unità) in collaborazione con altre associazioni del territorio (Lavoratori Produttori Agroalimentari Ambientali – ALPAA, Walk in Night – Mediterraneo e dintorni, Marano LAB, Grotta San Castrese e con la Cooperativa Sociale “Nuvoletta per Salvatore”) sabato 25 giugno ha organizzato “La giornata della Ciliegia della Recca” con visita all’orto e alla fattoria realizzati dalla Cooperativa Sociale “Nuvoletta per Salvatore” in un bene confiscato alla Camorra.

Ciliegie della Recca

Ciliegie della Recca


La ciliegia Arecca (o anche denominata della Recca) è una varietà di ciliegia tipica della Campania, precisamente di Marano di Napoli, città a pochi chilometri da Napoli. Le prime testimonianze storiche di tale varietà di ciliegia risalgono al 1550, e ne attribuiscono l’introduzione nel Napoletano a Gaspare Ricca che, sposando una nobildonna di Marano, divenne proprietario di un ampio appezzamento di terreno che si estendeva dalla collina dei Camaldoli fino all’attuale quartiere partenopeo di Pianura. La denominazione Arecca, che oggi indica la collina di Marano, deriverebbe appunto dalla deformazione del cognome del proprietario (Ricca -> Recca). La tradizione locale racconta, invece, che l’albero fu importato dall’amante del re di Spagna, Caterina Manriquez, quando fu cacciata da Madrid a seguito della scoperta della sua tresca, ad opera della regina, e fu spedita a Marano col titolo di principessa. Costei, per ricordarsi della sua terra, portò con sé una dozzina di alberelli di ciliegio che piantò appunto sulla Recca, dando vita a questa varietà.
Nell’area, immersi nel verde della Selva di Foragnano, sorgono il complesso dell’Eremo di Santa Maria di Pietraspaccata e la Fattoria della Cooperativa Sociale “Nuvoletta per Salvatore”ospitata in un bene confiscato alla Camorra. 

La visita all’eremo ha ancora una volta affascinato e meravigliato i presenti. La magia del luogo e la dolcezza della natura che lo circonda rendono l’eremo di Pietraspaccata un pezzo di paradiso da vivere e respirare.


In questi particolari luoghi abbiamo passato tre ore di racconto, di partecipazione e di confronto tra la vegetazione mediterranea, le degustazioni di salsamenteria, il vino falangina prodotto dalla Cooperativa Sociale e il sapore unico della Ciliegia della Recca dei produttori che ce le hanno generosamente donate.

Meritiamo di PIU!

Condividi di PIÙ!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
The following two tabs change content below.
Partecipazione, impegno, unità (PIÙ) nasce il 21 dicembre 2013 per raccogliere le energie e le competenze di chi vuole partecipare a progetti di innovazione sociale e culturali con impegno e unità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com